Centro Sociale a Le Castella. Domani la presentazione presso la 3° Circoscrizione

Domani, martedì 31 gennaio, alle ore 18 presso la sede della circoscrizione comunale di Le Castella verrà presentato il progetto del Centro Sociale della borgata. La struttura è uno dei punti qualificanti dell'attuale amministrazione che l'ha vista impegnata da tempo per la progettazione e la scelta di un'area idonea. Quest'ultima è stata individuata e vede il coinvolgimento di un soggetto privato con il quale si sta raggiungendo un accordo per una ottimale soluzione. Per rispondere, quindi, alle attese dei cittadini ed informarli sullo stato delle procedure, nonché illustrare il progetto definitivo del Centro Sociale, è stato organizzato un incontro, domani, presso la sede della Terza Circoscrizione sita in via Giovanni XXIII, 43, a Le Castella. Daranno informazioni ed illustreranno il progetto l'Ing.Fabrizio Ferracci e l'Arch.Gisleno Moretti. Parteciperanno in rappresentanza dell'Amministrazione comunale il Vice sindaco e Assessore all'urbanistica, Gildo Di Candilo, il Consigliere delegato al decentramento, Giancarlo Salvini, il Consigliere delegato allo sport, Luigi Minervini, il Consigliere comunale Renzo Favale. Sarà inoltre presente, per questioni legate alla viabilità locale, il Comandante della Polizia Municipale, Luciano Bongiorno. “Il Centro Sociale a Le Castella - afferma il consigliere delegato ai Lavori Pubblici Mario Trombetta - è un impegno serio di questa amministrazione che, peraltro, ha assolto a tutti i passaggi burocratici che le competevano. Adesso ci troviamo di fronte ad un bivio dove o si trova l'intesa con il soggetto privato, che recentemente ha subito delle modificazioni nella sua attività, oppure l'amministrazione dovrà verificare se esistano i presupposti per un'azione diversa e sicuramente più forte. Il Centro Sociale a Le Castella rappresenta un'esigenza della collettività. E' quel punto di riferimento che la borgata da anni chiede e che questa amministrazione vuole dare affinché non si deteriori un tessuto sociale che, nelle aree periferiche e di confine, è costantemente a rischio”. Cisterna di Latina, 30 gennaio 2006