Pubblicate le graduatorie per i contributi sui canoni di locazione (annualità 2013). Ricorsi entro il 24 febbraio

Sono state rese note in questi giorni le graduatorie provvisorie dei richiedenti il contributo per la concessione dei contributi integrativi per il pagamento dei Canoni di Locazione, relativi all’annualità 2013.

Dal 9 febbraio scorso i documenti sono consultabili presso il Segretariato Sociale – PUAC – Corso della Repubblica, 186 (ex Palazzo comunale) e sul sito istituzionale www.comune.cisterna.latina.it – Sezione “Servizi Sociali”.

Secondo quanto disposto dal settore Welfare del Comune, potranno essere presentati eventuali ricorsi entro e non oltre il termine improrogabile del 24.02.2015.

I ricorsi dovranno essere debitamente motivati, utilizzando l’apposita modulistica disponibile sul sito comunale www.comune.cisterna.latina.it - Sezioni “Modelli e Domande” e “Servizi Sociali” o in distribuzione presso lo Sportello del Segretariato Sociale - PUAC – Corso della Repubblica, 186, 1° piano - tel. 06.96834.315 – orari di ricevimento al pubblico: dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,00 e giovedì dalle ore 15,00 alle ore 17,00. Il martedì pomeriggio il Segretariato è attivo presso la sede decentrata di Via Aldo Moro – adiacente Farmacia Comunale (Quartiere San Valentino) dalle ore 15.00 alle ore 17.00.

I moduli per il ricorso dovranno essere presentati all’Ufficio Protocollo del Comune di Via Zanella, entro e non oltre il prossimo 24 febbraio (farà fede la data di consegna al Protocollo).

Il Comune, successivamente a tale data, provvederà alla pubblicazione della graduatoria definitiva.

“Siamo coscienti dell’emergenza abitativa nella nostra città – commenta il Sindaco di Cisterna, Eleonora Della Penna – e dell’aumento delle famiglie che non riescono più a far fronte agli impegni economici di tutti i giorni. Le richieste di contributo per i canoni di locazione pervenute agli uffici competenti sono state ben 474, un dato indicativo dell’aggravarsi della situazione economica e sociale.

Purtroppo però, lo Stato e la Regione, in una comprensibile ma impietosa logica di razionalizzazione della spesa, rivolgono sempre meno risorse anche a questo tipo di interventi. Per lo stesso principio di risparmio ci sono stati imposti nuovi metodi di calcolo che di fatto fanno rientrare nelle liste degli aventi diritto ai contributi sempre meno persone. Il mio impegno già da adesso è  quello di reperire nuove forme di finanziamento, affinché le famiglie meno abbienti di Cisterna si vedano riconoscere il diritto fondamentale alla Casa”.

Cisterna di Latina, 10 febbraio 2015