Torna da Lunedě 7 gennaio il Corso di Archeologia. Tema: il Museo Barracco

clicca qui per ingrandire l'immaginePassate le feste natalizie, lunedì 7 gennaio alle 15,30, riprenderà regolarmente, per gli oltre cento gli iscritti, il nuovo Corso di Archeologia organizzato dal Comune attraverso il Consigliere delegato ai Beni Archeologici in collaborazione con la locale sezione dell'Archeoclub. Il corso, gratuito per i cittadini di Cisterna, è tenuto dalla dottoressa Michela Nocita e si compone in tutto di cinque incontri teorici quindicinali della durata di un'ora e mezza ed altrettante visite guidate. Lunedì 7 gennaio l'incontro avrà come tema “La raffinata collezione del Museo Barracco e la stabula factionis del Campo Marzio”. L'incontro si terrà all'interno della Sala Tullio Levi Civita sita all'interno di Palazzo Caetani nell'ala universitaria con ingresso da via San Pasquale. Gli altri incontri verteranno su “La nuova sistemazione dei Mercati Traianei e l'antiquarium dei Fori Imperiali di recentissima apertura” (21 Gennaio); “La vocazione didattica del Museo della Civiltà Romana” (4 Febbraio); “Il Palatium, ovvero un itinerario sul Palatino tra il tempio della Magna Mater e la casina degli Orti Farnesiani. Sangue e arena dell'Anfiteatro più famoso del mondo: il Colosseo” (18 Febbraio). Le escursioni a tema che, per la grande affluenza, si svolgeranno ciascuna in due domeniche successive, avranno come mete il Museo Barracco, i Mercati Traianei e l'Antiquarium dei Fori imperiali, il Museo della civiltà Romana dell'EUR, il Palatino e il Colosseo. “L'adesione - commenta Quirino Mancini, delegato ai Beni Archeologici - è stata oltre ogni aspettativa e dimostra il grande interesse dei cisternesi verso l'archeologia. Sottolineo come questa edizione del corso sia stata organizzata in collaborazione con la locale sezione dell'Archeoclub a dimostrazione della disponibilità ad interfacciarci con il mondo associativo. Ci auguriamo che la Soprintendenza ai Beni Archeologici prenda atto delle aspettative della cittadinanza e renda disponibili i reperti finora rinvenuti sul nostro territorio per allestire una mostra permanente”. Cisterna di Latina, 3 gennaio 2008