Comune di Cisterna di Latina

Comune di Cisterna di Latina

Benvenuti nella città dei butteri

  • Il Comune di Cisterna su Facebook
  • Il Comune di Cisterna su Twitter
Visualizzazione normale Testo piĆ¹ grande Visualizzazione ad alto contrasto Visualizzazione alternativa

Comunicati Stampa

Controlli della Polizia Locale: denuncia per falsa patente bulgara, foglio di via per ROM che raggirava anziani

Gli incessanti controlli della Polizia Locale di Cisterna hanno portato negli ultimi giorni a nuove denunce e a sventare atti di microcriminalità sul territorio comunale.

Tra questi Luca C., 40 anni residente a Fondi, incappato nei controlli della pattuglia non senza passare indenne nonostante avesse tentato di convincere gli agenti di essere stato in Bulgaria per ottenere il titolo di guida. Le scarne giustificazioni non sono bastate per motivare la circolazione con un titolo di guida estero.

Successivi e approfonditi controlli, infatti, permettevano di appurare che la patente di guida esibita era un’imitazione, seppure ben fatta, di quella bulgara. Scavando ulteriormente nel passato dell’uomo è emerso che gli era stata ritirata la patente italiana in quanto sorpreso alla guida sotto l’effetto di sostanze alcooliche.

Il conducente è stato deferito alla Procura della Repubblica presso il tribunale di Latina per il reato di contraffazione nonché segnalato alla Prefettura per la revoca definitiva della patente italiana.

Oltre che sul falso documentale e sul rispetto delle norme del Codice della Strada, la Polizia Locale di Cisterna ha intensificato i controlli anche sugli episodi di microcriminalità in danno alle fasce deboli della popolazione. 

In particolare, alle 7.45 di martedì 15 settembre veniva individuata una donna mentre prima osservava e poi avvicinava alcuni anziani con l’intento di circuirli. 

Notata e identificata da un’agente della Polizia locale, la donna, L.R. classe 1997 di etnia ROM, risultava avere una serie di precedenti di polizia specifici quali furti e truffe in danno di anziani.  

In considerazione del fatto che non era in grado di fornire motivi validi sulla sua presenza nel luogo, per la donna veniva proposta l’adozione da parte del Commissariato di Pubblica Sicurezza della misura del foglio di via obbligatorio ed il divieto di ritorno a Cisterna per i prossimi tre anni. Misura che veniva adottata e notificata.

Cisterna di Latina, 17 settembre 2020