Comune di Cisterna di Latina

Comune di Cisterna di Latina

Benvenuti nella città dei butteri

  • Il Comune di Cisterna su Facebook
  • Il Comune di Cisterna su Twitter
Visualizzazione normale Testo più grande Visualizzazione ad alto contrasto Visualizzazione alternativa

Comunicati Stampa

Cisterna vuole l’Autostrada Roma-Latina e la Bretella. Summit il 13 ottobre con deputati nazionali e regionali

Campagna di comunicazione pro Bretelle - anno 2001L’Autostrada Roma-Latina e il suo raccordo con l’A1 sono opere imprescindibili e urgenti.

E’ questo, in sintesi, il messaggio che l’Amministrazione di Cisterna vuole inviare ai vertici nazionali, regionali, provinciali e locali con il Consiglio comunale straordinario che si terrà il 13 ottobre prossimo.

Il Presidente del Consiglio Comunale, Pier Luigi Di Cori, su proposta del capogruppo consiliare della Lega, Andrea Nardi, ha già convocato la conferenza dei capigruppo e invitato a partecipare all’assise tutti i senatori e i deputati eletti  nel collegio Lazio, il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, gli assessori regionali competenti (Mauro Alessandri ed Enrica Onorari), i consiglieri regionali pontini, i sindaci dei Comuni di Latina, Aprilia, Velletri, Cori e Rocca Massima, nonché il sottosegretario di Stato Claudio Durigon e il presidente della Provincia di Latina Carlo Medici. Infine il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, il viceministro Edoardo Rixi, il sottosegretario Armando Siri, le maggiori organizzazioni di categoria.

Già nel 2001 Cisterna, con l’allora sindaco Mauro Carturan, aveva intrapreso una massiccia campagna di comunicazione (uno “spillone” seguito dallo slogan “Senza Bretella l’economia pontina cala le braghe”) per far inserire la Bretella Cisterna-Valmontone all’interno delle opere nazionali strategiche. Cosa che avvenne ma, visti i ritardi, Carturan tornò a tuonare con una seconda campagna di comunicazione (un birillo stradale come naso e lo slogan: “Le promesse non mantenute hanno la bretella corta”.

Quando ormai sembrava finalmente essere giunto il momento di aprire i cantieri, la decisione del Consiglio di Stato, con l’accoglimento del ricorso, ha di fatto annullato la gara e infranto le speranze del territorio.

“Dalla decisione del Consiglio di Stato che ha annullato la gara ad oggi – afferma il Presidente del Consiglio comunale Di Cori - stiamo assistendo ad un drammatico silenzio su questa opera di vitale importanza per il rilancio della nostra provincia. Dobbiamo con urgenza uscire dall’isolamento commerciale, turistico, economico e culturale di questo territorio rispetto alla Capitale e al resto della Nazione. Cisterna, dunque, ancora una volta vuole essere da pungolo per aprire un incisivo dibattito sulle scelte e azioni da intraprendere immediatamente ed essere tavolo di confronto e lavoro a tutti i livelli istituzionali. Perché questa importante porzione del territorio, non solo provinciale ma laziale, non può attendere oltre”.

Cisterna di Latina, 2 ottobre 2018